Tom Clancy's H.A.W.X. 2

Tom e Jerr… ehm, Tom e Ubisoft!
Scritto da Mail@ F_Gransil 27 settembre 2010
Tom Clancy's H.A.W.X. 2 Recensione

Tom Clancy lo conosciamo tutti come uno dei più grandi scrittori di libri d’azione dei nostri tempi, ma ancor più famoso diventò quando cominciò la sua lunga e prolifica collaborazione con Ubisoft, partecipando attivamente agli sviluppi dei vari capitoli delle saghe di Rainbow Six e Splinter Cell, in primis, mettendoci sempre il suo bel nome davanti. A marzo dello scorso anno Ubisoft ha inaugurato un nuovo brand della dinastia dei “Tom Clany’s”, denominato H.A.W.X., completamente incentrato sui combattimenti aerei e che ha conseguito un discreto successo, vista anche la scarsità di rivali su console HD (Ace Combat è ormai una serie in piena crisi o, meglio, in caduta libera). A poco più di un anno di distanza, l’accoppiata Ubi e Tom prova a migliorare i risultati raggiunti col primo episodio, lanciando sul mercato il seguito chiamato senza troppa fantasia H.A.W.X. 2: sarà riuscita nell’intento?


More of the same!

Il gioco si presenta all’ingresso del periodo caldo del mercato videoludico con il vestito buono, ma in sostanza lo stesso vestito dello scorso anno: già dai menù è possibile notare come poche siano le differenze tra i due capitoli e tutto dona quel sapore amaro di "già visto". La trama che accompagna il lento, ma nemmeno tanto, svolgersi della campagna single player, rappresenta il punto più debole della produzione, essendo un mix esasperato e privo di mordente di vecchi e nuovi luoghi comuni in voga nei videogiochi d’azione, da almeno dieci anni a questa parte: se già il primo capitolo non eccelleva nel canovaccio, ma almeno offriva varietà, qualche colpo di scena e un protagonista nel quale immedesimarsi, sotto questo punto di vista in H.A.W.X. 2 sono stati fatti diversi passi indietro, regredendo a una trama e dei personaggi scialbi, che difficilmente potranno stupire o lasciare qualche traccia nel giocatore.

Ciò che fa da traino all’intero titolo è ancora una volta, e meno male aggiungiamo noi, il gameplay, che rispetto al passato offre, oltre agli immancabili dog-fight, anche delle nuove e sempre gradite introduzioni. Anzitutto si può subito notare come l’HUD sia stato snellito e come siano state rimosse tutte quelle indicazioni a video che a molti causavano enormi fastidi, con il risultato che non saremo più disturbati da tali intrusioni e l’immersione nel titolo potrà essere totale. In H.A.W.X. 2 sono state poi introdotte diverse soluzioni per ovviare a uno dei principali problemi che affliggeva il primo capitolo: la ripetitività delle azioni. Ora, dunque, oltre che in scontri aerei senza sosta, scorta di mezzi deboli, attacchi a terra per supporto, potremo cimentarci anche in decolli e atterraggi da portaerei, missioni di ricognizione con mezzi senza pilota e usare le postazioni fisse dei famosi AC-130. Tutte queste novità rappresentano una bella ventata di aria fresca per il titolo e costituiscono un punto a favore degli sviluppatori, che hanno dimostrato ancora una volta le grandi potenzialità, secondo il nostro parere ancora sopite, del brand.


Un gioco di aerei con spirito GDR

La campagna single player, che alla difficoltà massima vi porterà via una decina di ore della vostra vita sociale, non esaurisce da solo l’esperienza di gioco di H.A.W.X. 2, ma paradossalmente è la chiave per accedere all’intero portfolio di modalità del gioco. Grazie ai punti esperienza che guadagneremo nel corso delle missioni, oltre a salire di livello, acquisiremo dei punti che potremo spendere in una sorta di shop nel quale acquistare nuovi aerei e potenziamenti da poter sfruttare nelle modalità di gioco Missione, Volo Libero e Sopravvivenza: la prima prevede il replay di alcuni scenari della campagna, ma con dei task e dei malus ben precisi che ne modificheranno completamente l’approccio; in Volo Libero invece potremmo tranquillamente provare un nostro bolide ed esibirci nelle più disparate acrobazie. Sopravvivenza rappresenta, invece, una riuscita trasposizione della modalità Orda di alcuni FPS in chiave dog-fight: a breve distanza l’una dall’altra dovremo, infatti, sopravvivere a ben dieci ondate di nemici di ogni sorta che avranno come unico obiettivo quello di abbatterci.

In aggiunta a ciò, vi è anche una sorta di sistema di affinità con i diversi aerei che utilizzeremo in queste modalità: più volte useremo lo stesso aereo, più sarà incrementata la nostra padronanza di quel velivolo, ottenendo diversi bonus ai livelli di affinità più elevati. Tutto ciò potrà poi essere sfruttato a dovere nel multiplayer di H.A.W.X. 2, versione collaudata del precedente capitolo, il quale promette una vita abbastanza lunga del gioco nelle nostre console.


L’occhio che tutto vede

Sotto l’aspetto tecnico H.A.W.X. 2 si presenta approssimativamente come il suo predecessore, alternando alti e bassi in maniera a dir poco costante. Gli alti vengono quasi tutti dal GeoEye, la tecnologia satellitare utilizzata per rappresentare il mondo di gioco, che in questa versione si presenta ancor più nitida e dettagliata di quanto non lo fosse in precedenza. Buone anche le texture degli aerei, realizzati in maniera veritiera e abbastanza dettagliata, e gli effetti particellari, in particolare nelle esplosioni.

Ciò che invece non ci convince per nulla sono la bassa definizione delle texture degli altri elementi di gioco, come i mezzi terrestri, e il fastidiosissimo quanto frequente calo di framerate, almeno nella versione PS3 da noi testata, in occasioni di particolare traffico visivo o nelle vicinanze del suolo. Non il massimo della vita mentre si guida un caccia militare insomma.


Ali tarpate

H.A.W.X. 2, siamo sinceri, ci lascia un po’ di amaro in bocca. Chi si aspettava un titolo superiore al predecessore potrebbe rimanere deluso, giacché ci troviamo a un anno di distanza con bene o male lo stesso gioco tra le mani, in alcuni casi addirittura peggiore. Una maggiore varietà delle azioni e delle nuove modalità fanno da contraltare ai difetti riscontrati e rendono l’esperienza ludica di H.A.W.X. 2 quantomeno piacevole e divertente nel suo essere un vero arcade dei cieli. La serie deve – e può ancora – sbocciare. 

COMMENTO
Mail@ F_Grans

Ho giocato entrambi i capitoli e posso dire tranquillamente di considerare il primo decisamente migliore di questo. Sarà per la costante sensazione di déjà-vu o per via della mancanza di freschezza che invece aveva H.A.W.X., ma sento di dire che questo nuovo capitolo rappresenta un passo indietro di Ubisoft. Per non parlare di Tom Clancy, che abbia esaurito la sua vena “poetica”?

GRAFICA:7Il GeoEye, gli effetti particellari e gli aerei sono il lato migliore; peccato per le molte texture in bassa risoluzione e i cali di frame rate.
SONORO:7Nulla da segnalare a come colonna sonora, ma in compenso il doppiaggio in italiano è buono.
GIOCABILITà:8Immediato e divertente; come il suo predecessore ideale a chi ama divertirsi con gli aerei senza badare troppo alla simulazione.
LONGEVITà:7La campagna principale dura intorno alle dieci ore, ma la longevità è garantita fino a un certo punto dalle varie sfide e dal multiplayer.
VOTO FINALE7
PRO:- Divertente se amate il genere
- Nuove modalità di gioco
- Evoluzione del predecessore…
CONTRO:- … ma con evidenti limiti
- Cali di frame rate frequenti
- Storyline scontatissima
Tom Clancys H.A.W.X. ( PS3 )Il primo episodio della serie, per certi aspetti meglio del secondo.
Heroes Over Europe (X360)Se preferite gli aerei della Seconda Guerra Mondiale, questo è il titolo che fa per voi.
SCHEDAGIOCO
Cover Tom Clancy's H.A.W.X. 2

Tom Clancy's H.A.W.X. 2

Scheda completa...
Tom Clancy's H.A.W.X. 22010-09-27 15:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/tom-clancy-s-hawx-2/Tom e Jerr… ehm, Tom e Ubisoft!1020525VGNetwork.it