Ultratron

Un tuffo nelle sale giochi degli anni ‘80 in compagnia di Puppy Games!
Scritto da @ GuidoSora7il 29 maggio 2015
Ultratron Recensione

Grazie alla scena Indie, negli ultimi mesi stiamo assistendo alla rinascita di diverse tipologie di videogiochi finite inesorabilmente nel dimenticatoio. Una delle software house più attive in questo recupero è sicuramente Puppy Games, che in collaborazione con Curve Digital un anno fa ha portato su PC e console Titan Attacks, shooter 2D ispirato ad una pietra miliare indimenticabile come Space Invaders. Con il loro ultimo lavoro, i developer statunitensi non cambiano radicalmente il genere di riferimento, ma si ispirano ad un altro titolo che ha fatto la storia dei videogiochi. Il risultato sarà valido anche questa volta? Scopriamolo insieme!


Vendetta robotica

Come già anticipato nella nostra introduzione, Puppy Games per il suo ultimo lavoro trae ispirazione direttamente da un classico del genere, uno shooter a cui probabilmente dobbiamo lo schema di comandi a doppia levetta tanto in voga negli ultimi anni: Robotron 2084. Mentre nel classico degli anni ‘80 però avevamo l’obiettivo di salvare il resto della razza umana, in Ultratron la storia prende da subito una brutta piega: tutti gli uomini sono stati distrutti da un esercito di Robot malvagi, e l’unica speranza dell’umanità, un enorme robot creato da una compagnia di nome Omnicorp, non può fare altro che proseguire la missione per cui è stato creato: distruggere tutti gli invasori. Insieme all’ultima arma della razza umana intraprendiamo così una disperata (quanto ormai inutile) missione di vendetta, in un’arena zeppa di trappole e nemici mortali.


Due levette per ghermirli e nel buio smantellarli!

Dal punto di vista del gameplay Ultratron ripropone le meccaniche classiche dei twin-stick shooter, aggiungendo però un fattore risk/reward, creato dalla presenza delle “particelle”, dei frammenti rilasciati dai nemici eliminati che vanno raccolti per ottenere utili crediti, ma che espongono il videogiocatore al fuoco nemico, Il gioco però vale la candela, dato che i soldi guadagnati eliminando i robot nemici possono essere spesi all’interno dello “Omnicorp shop-o-matic”, una sorta di negozio a cui si può accedere al termine di ogni round per migliorare le statistiche del robot o per incrementare il numero di abilità di cui dispone, acquistando ad esempio una utilissima schivata o una bomba che stordisce tutti i nemici che lo circondano. Oltre a ciò, all’interno dei livelli in maniera del tutto casuale fanno il loro ingresso i ragnoidi, particolari cyborg che una volta distrutti lasciano in campo potenziamenti temporanei, come l’invulnerabilità, o della durata di alcuni livelli, come ad esempio il fuoco multidirezionale. 

Per variare in parte lo schema offerto, i developer britannici hanno pensato bene di spezzare i livelli di gioco con delle sfide particolari, in cui bisogna scansare tutti i nemici su schermo senza poter far fuoco, oppure dei livelli in cui bisogna eliminare tutti i ragnoidi. Come nei dieci livelli standard, anche in queste occasioni il giocatore viene ripagato con preziosissimi crediti da spendere in armi o in rifornimenti, elementi indispensabili soprattutto negli scontri con i 4 antagonisti di Ultratron, in ordine: Ieiunitas, Bellum, Lues e Letum. Ciascun boss oltre ad essere ben caratterizzato dal punto di vista grafico è anche dotato di pattern di attacco quasi imprevedibili, che offrono un livello di sfida sì elevato, ma mai frustrante grazie alla presenza di utili checkpoint fra una serie di livelli e l’altra. Quest’ultima caratteristica permette sia di sperimentare diversi potenziamenti rispetto a quelli scelti nella prima run, sia di evitare di ripetere tutta l’avventura dal primo livello in caso di Game Over. Un tocco di “modernità” che non può che soddisfare anche i fan degli arcade classici.


Disco Inferno!

Ultratron è un omaggio ai vecchi cabinati mai dimenticati dai ragazzi di Puppy Games. I numerosi effetti di luce (su PS4 estesi anche alla lightbar del DualShock 4) ricreano l’atmosfera delle sale giochi degli anni ‘80, e in alcuni casi rendono l’azione di gioco se possibile ancora più frenetica, grazie a distorsioni dello schermo o vibrazioni dello stesso. In questo senso il lavoro svolto dai developer britannici è encomiabile, ma forse una differente scelta cromatica avrebbe giovato al gameplay. Ciascuno dei 4 mondi di gioco è infatti distinto da una palette precisa, che tuttavia coincide con quella dei nemici. Questo elemento del comparto tecnico, unito ai ritmi davvero intensi di Ultratron, in alcuni casi non permette di identificare correttamente i nemici su schermo, avvicinando sempre di più l’amichevole robot alla sconfitta. Una pecca di poco conto, che però fa il paio con la scarsa longevità del titolo. Sebbene sulla durata finale influisca molto l’abilità del videogiocatore, Ultratron può essere completato in circa 2 ore. Ma, come ogni arcade che si rispetti, i 40 livelli di base non sono che l’inizio dell’avventura. Dopo aver posto fine alla resistenza di Letus infatti è possibile proseguire gli scontri all’interno dell’arena all’infinito, per migliorare il proprio highscore o semplicemente per sbloccare tutti i potenziamenti disponibili. Chiude il quadro dell’esperienza offerta una modalità multigiocatore locale, grazie a cui è possibile affrontare l’intera campagna in compagnia di un amico.

Se siete dei nostalgici amanti dei cabinati delle sale gioco e volete provare l’ebrezza di uno shooter classico anche su PS4, Ultratron è il gioco che fa per voi. Se siete in possesso di una PS Vita poi il twin-stick shooter firmato Puppy Games è ancora più appetibile, grazie alla funzione cross-buy.   

COMMENTO
@ GuidoSora7

Dopo aver abbattuto Letus mi sono concesso un piccolo break per rifiatare. Ultratron è un ottimo twin-stick shooter, un sincero omaggio ai cabinati delle sale giochi che in parte hanno accompagnato la mia infanzia. Se come me avete speso centesimi su centesimi della vostra paghetta nei cabinati delle sale giochi, con questo titolo vi sentirete dannatamente vecchi... ma credetemi, vale la pena provarlo!

GRAFICA:7Palette cromatica varia ed effetti grafici davvero sorprendenti.
SONORO:7.5OST elettronica adatta alle atmosfere di gioco.
GIOCABILITà:7.5Meccaniche twin-stick calibrate alla perfezione.
LONGEVITà:7Per terminare la campagna bastano 2 ore, ma il multiplayer locale e le classifiche online offrono ottimi spunti di rigiocabilità.
VOTO FINALE7
PRO:- Meccaniche intuitive e divertenti
- Sistema di potenziamento ricco ed appagante
- Effetti grafici vecchio stile...
CONTRO:- ... In alcuni casi fin troppo numerosi
- Longevità non proprio memorabile
Titan Attacks! ( PS4 )Altro shooter firmato Puppy Games. Alla guida di un carro armato bisognerà difendere l’umanità dalla invasione dei temibili Titani.
Geometry Wars 3: Dimensions Evolved ( PS4 )Twin-stick shooter in cui bisogna distruggere forme geometriche alla guida di una navicella spaziale. Disponibile su PS4.
SCHEDAGIOCO
Cover Ultratron

Ultratron

  • data d'uscita: 12 maggio 2015
  • produttore: Curve Digital
  • sviluppatore: Puppy Games
  • Distributore: Sony Computer Entertainment Europe
  • Genere: Sparatutto
  • Multiplayer: Locale e Coop.
  • Supporto: PlayStation Network
  • Pegi: 7+
  • Sito di Ultratron
Scheda completa...
Ultratron2015-05-29 09:30:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/ultratron-49583/Un tuffo nelle sale giochi degli anni ‘80 in compagnia di Puppy Games!1020525VGNetwork.it