WWE 2K15

Il grande circus del wrestling nelle nostre console!
Scritto da Mail@ ilFed2508il 09 dicembre 2014
WWE 2K15 Recensione

Sin dalla sua nascita, il wrestling è sempre stato uno show molto seguito in tutto il mondo, capace di spettacolizzare un particolare tipo di sport che affonda le sue radici nella lotta greco romana. Merito soprattutto degli atleti - o meglio, atleti-attori - che ordivano le più improbabili alleanze o faide, creando situazioni in grado di far impallidire una qualsiasi puntata di Beautiful o di Cento Vetrine, e diventando di fatto delle vere e proprie icone di grandi e piccini. Dopo un periodo di alti e bassi videoludici, e l’acquisizione del brand da parte di 2K Sports, WWE 2K15 arriva dunque per console next gen, Playstation 3 e Xbox 360. E le premesse sono decisamente buone.


Muscoli d'acciaio

La nuova edizione del simulatore di 2K conta un numero decisamente ampio di modalità con cui sbizzarrirsi: si va dall’Esibizione, comprensiva di diverse modalità come la Triple Threat, la classica uno contro uno o addirittura la celebre Royal Rumble, il King of the Ring o cimentarsi negli scontri a quattro o sei lottatori. La cosa positiva di tutto ciò sta nel fatto che pur trattandosi di una modalità molto “mordi e fuggi” il videogiocatore potrà competere per determinati titoli, come il World Heavyweight Champion o il WWE Champion, i quali verranno riconosciuti come conquistati o persi dal gioco. Cosa vuol dire tutto questo? Molto semplicemente, qualora decidessimo di fare una partita veloce in modalità Esibizione per un qualsiasi titolo in palio, contro un lottatore controllato dalla CPU o da qualche amico umano al vostro fianco oppure online, e dovessimo uscirne sconfitti, WWE 2K15 ci permetterà di avere la nostra personalissima rivincita, andando a contendere – ovviamente con una seconda partita – il titolo perso al lottatore che lo ha vinto nella precedente sfida. E’ naturale che questo rappresenti un bel pro a favore del titolo 2K, che propone una soluzione interessante alle classiche modalità esibizioni presenti nei giochi sportivi. Oltre a questa modalità, per tutti quelli che volessero mettersi alla prova con qualcosa di più stratificato e profondo, 2K Sports offre altre tre modalità: WWE Universe, La Mia Carriera e 2K Showcase.


You can't see me!

Partiamo da quest’ultima, vale a dire 2K Showcase, dove i veri fan dello show della WWE potranno rivivere l’antagonismo tra John Cena e CM Punk del biennio 2011 – 2013 ed i classici scontri avvenuti tra il 2002 ed il 2004 tra Shawn Michaels e Triple H. Il tutto viene gestito tramite eventi prestabiliti della storia delle ritorsioni appena citate, con i match più importanti che hanno poi fatto la storia delle faide. Il tutto ovviamente accompagnato da filmati che ripercorrono le celebri vicende che ogni fan del wrestling ricorderà senz’altro.

La seconda modalità, La Mia Carriera, esclusiva delle console next gen, prende spunto dalla similare modalità presente nel titolo cestistico di 2K, vale a dire NBA 2K15. In questo caso potremo creare il nostro lottatore da zero per poi accompagnarlo lungo tutto l’arco della sua carriera, dagli esordi fino al titolo di campione WWE. Durante il percorso, il videogiocatore per progredire dovrà aumentare gli attributi fisici o tecnici del proprio lottatore, il quale verrà messo in mezzo, come è lecito aspettarsi, alla grande ruota dello show del wrestling, composto di faide, alleanze, gimmick (ovvero l’atteggiamento del proprio lottatore) e rivalità. In questo caso però, per quanto possa essere divertente ritrovarsi immersi nell’universo WWE, se non si riesce a migliorare in breve tempo il proprio wrestler, si rischia di rimanere impantanati in un ciclo di match che alla lunga possono annoiare, mettendo a dura prova anche i più accaniti fan dello sport. Il discorso cambia totalmente, invece, quando si parla della modalità WWE Universe. Si tratta infatti del cuore pulsante del titolo 2K Sports, che permetterà ai videogiocatori di crearsi via via i propri show personali, gestendo ogni singolo aspetto, dalla struttura degli eventi, alle rivalità, alle storie degli atleti e via dicendo. Mostruosamente longevo se sfruttato a dovere dal giocatore, che con la propria inventiva potrà ogni volta cimentarsi in show differenti l’uno dall’altro.


Please, don't try this at home!

2K Sports è sinonimo di simulazione sportiva, ed anche WWE 2K15 non fa eccezione in tal senso, proponendo una giocabilità votata più alla simulazione che allo strano misto molto più propenso all’arcade dei precedenti episodi. La sensazione si avverte sin dai primi momenti di gioco, con i wrestlers che si muoveranno più o meno lentamente, in modo tale da suggerirvi all’istante la fisicità specifica, o l’imponenza dell’atleta stesso. Inoltre, per quanto riguarda anche i vari clinch – che non è nient’altro che la mossa d’apertura di ogni incontro di wrestling – scaturiscono in diverse prese, come la wrist lock, la side headlock o la waist lock, che vengono portate all’avversario tramite un mini gioco simile alla morra cinese, che determinano poi la riuscita o meno di una sottomissione. Inoltre, ogni lottatore dispone della proprie mosse peculiari, come le famose finisher moves, che serviranno sia a rendere lo spettacolo ancora più divertente, sia a stancare, magari in maniera definitiva, il proprio avversario, il quale si potrà poi schienare facilmente. Insomma, un modello di combattimento decisamente più ragionato rispetto ai misti arcade dei precedenti episodi. Forse, però, è proprio qui che WWE 2K15 inciampa nella sua stessa struttura: se da una parte gli appassionati del wrestling accoglieranno questa svolta maggiormente simulativa come manna dal cielo, dall’altra si rischia di allontanare quelli che cercano un gioco maggiormente simile, quantomeno nel gameplay, ai precedenti episodi. Insomma, il pericolo che questo WWE 2K15 si collochi nella sua nicchia per farsi fruire solo dai veri fan è alto. 


I'm the Game!

Tecnicamente parlando, il motore di gioco, sulle console di nuova generazione, muove egregiamente WWE 2K15 alla risoluzione di 1080p per 60 FPS fissi, anche se qualche sporadico rallentamento ci è capitato di notarlo. Nulla di che, certamente, se paragonato alla resa visiva globale del titolo, che mostra i muscoli – in tutti i sensi – soprattutto con i modelli poligonali dei wrestler. Le espressioni degli stessi varieranno in base all’andamento del match, mostrando disappunto, rabbia o stanchezza. Come se non bastasse, inoltre, anche il sudore che apparirà durante i match più impegnativi, contribuisce ad aumentare la qualità finale della resa visiva. Discorso a parte per il sonoro, che risulta nella norma per un titolo del genere: i brani presenti nel menù variano tra generi diversi, mentre per quanto riguarda gli effetti in game siamo in linea con gli standard. La telecronaca, invece, non è localizzata con le voci dei commentatori italiani di wrestling, ma è rimasta quella dei commentatori americani. La scelta è sicuramente positiva per quanti preferiscono le voci degli show originali, mentre per tutti quelli in difficoltà con l’inglese o, più semplicemente, affezionati ai commentatori nostrani, dovranno mettersi il cuore in pace ed ascoltare i commenti nella lingua di Albione.

COMMENTO
Mail@ ilFed2508

Seguivo da piccolino il wrestling di SmackDown, e ricordo ancora i mitici Eddie Guerrero e Kurt Angle. Ma il mio preferito è sempre stato Rey Mysteryo, con la sua lucha acrobatica e spettacolare. Ho approcciato questo WWE 2K15 con diffidenza ma, una volta eseguita la mia prima “619” in faccia a Randy Orton, non sono più riuscito a scollarmi dal gioco!​

GRAFICA:8I modelli dei wrestler in 1080p a 60 fps sono uno splendore, ed il motore di gioco muove egregiamente il tutto.
SONORO:7Comparto sonoro non eccelso ma più che discreto. Nota positiva per i fan la mancata telecronaca in italiano, meno positiva per chi mastica poco l’inglese.
GIOCABILITà:8La decisa virata verso il simulativo ha fatto fare il salto di qualità alla serie, rischiando di diventare un prodotto di nicchia per gli appassionati.
LONGEVITà:7.5Modalità ben architettate e Roster numeroso. L’online quando funziona è la ciliegina sulla torta.
VOTO FINALE7.5
PRO:- Lo spettacolo del wrestling in 1080p e 60fps
- Modalità di gioco numerose e buon roster
- La virata simulativa può far impazzire i fan accaniti...
CONTRO:- ... Ma la stessa giocabilità può indirizzare il titolo ad un pubblico di nicchia.
- Qualche rallentamento (sporadico)
WWE SmackDown vs. RAW 2010 (PS3)Parliamo di Wrestling? Allora non posso non consigliare uno dei migliori titoli disponibili dedicato a questo sport. Completo e divertente, solo per i fan veri.
Persona 4 Arena Ultimax ( X360 )Non sarà un gioco dedicato al wrestling, ma è un picchiaduro davvero ben confezionato e dotato di una certa profondità.
SCHEDAGIOCO
Cover WWE 2K15

WWE 2K15

Scheda completa...
WWE 2K152014-12-09 15:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/wwe-2k15-47952/Il grande circus del wrestling nelle nostre console!1020525VGNetwork.it