Uncharted 3: Drake's Deception

Cover Uncharted 3: Drake's Deception
VOTO10
INFO

Uncharted 3: Drake's Deception, il terzo episodio della saga di Uncharted, ambientato nella penisola araba. Il titolo, sequel di uno dei migliori Action-Adventure di sempre, ha per protagonista lo straordinario Nathan Drake, avventuriero-archeologo-figoditurno. Ambientazioni e ambienti fenomenali, sparatorie ed azione a non finire, con il carisma dell'effervescente protagonista.

Due anni e due settimane. Questo è stato l'intervallo temporale tra l'ottimo Uncharted 2: Il Covo dei Ladri ed Uncharted 3: L'Inganno di Drake. Il minimo, probabilmente, per ottenere una qualità di intrattenimento così esaltante; ciò non toglie che per l'appassionato l'attesa possa essere stata davvero snervante, nonostante la formula di gioco sia sempre quella, ma ulteriormente migliorata ed impreziosita in alcune situazioni. Perché Naughty Dog, fin da principio, ha preso un po' qui ed un po là per creare il suo gameplay, combinando vari elementi, da più generi, e miscelandoli con una componente cinematografica di indiscutibile fattura ed appeal, sia per personaggi introdotti che per eventi di gioco. Tutto questo facendo uso di vari riferimenti ed...
Leggi la recensione...
Per i pochi (eretici?) che non lo sapessero: Uncharted è una serie di videogiochi appartenenti a quella categoria ibrida definibile in sparatutto in terza persona (Tps, in gergo) e action-adventure grazie alla presenza, non troppo invadente, di fasi esplorative e risoluzione di enigmi più o meno semplici. Apparsa per la prima volta nel 2007 con il sottotitolo “Drake's Fortune”, la serie si è sdoganata dal'anonimato per assurgere al rango di miglior gioco in esclusiva Playstation 3 con il secondo episodio: Uncharted 2 Among Thieves. Il prossimo autunno arriverà Uncharted 3 Drake's Deception, terzo episodio ufficiale di quella che si sta confermando come una delle più belle saghe videoludiche degli ultimi anni. Vgnetwork ha provato per voi la prova beta...
Leggi l'anteprima...
Ubar, Arabia, 399 d.C.."Dalle colonne alte", così incisa nelle pagine del Corano, che in realtà la chiama Iram, Ubar era una delle più fiorenti città d'Arabia, intrisa di genti dal castano abito e pregna d'assidui commerci, d'intensi viaggiatori, d'immensi uomini. Ubar, gigantesca e memorabile non meno dei suoi abitanti, era patria del miglior olibano (l'incenso per antonomasia) al mondo, nonché fulcro e centro di commerci intensi, di viaggi, di carovane, di spedizioni ed epiche avventure.
Ubar, Arabia, 400 d.C..
Iram delle Colonne, o Ubar, cessa di esistere. Rasa al suolo da quel temibile Dio delle cronache di Sodoma e Gomorra, autodistruttasi per implosione socio-politica o sprofondata a causa di uno smottamento del terreno per via del ritiro della...
Leggi l'anteprima...