Tales of Xillia in Europa! - Speciale

La serie Namco continua a crescere nel Vecchio Continente!Scritto da Giacomo Quadrioil 26 aprile 2013
Tales of Xillia in Europa! - Speciale Speciale

Dopo l’arrivo di Tales of Graces f lo scorso anno in Europa e Stati Uniti, Namco Bandai sembra aver acquistato sempre più fiducia verso il mercato occidentale. Ne è la testimonianza lampante l’arrivo di Ni No Kuni, una vera e propria perla del genere JRPG, con un comparto artistico di prim’ordine, riuscito dove alcuni titoli avevano in passato fallito ovvero riappassionare i giocatori a questo genere. Vuoi per la collaborazione dello Studio Ghibli, vuoi per la riproposizione di alcuni punti cardine dei giochi di ruolo giapponesi come la world map, Ni No Kuni ha fatto la gioia di tanti, publisher compreso viste le buone vendite.

Ben presto arriverà inoltre un altro JRPG molto chiacchierato nel panorama videoludico: stiamo parlando di Tales of Xillia, nuovo episodio della serie Tales of e primo ad essere interamente dedicato alla console casalinga di Sony visto che - lo ricordiamo - Graces f era un porting migliorato e corretto di un gioco Wii. I fan della serie non potranno che essere felici della scelta di Namco Bandai, soprattutto perché in passato Tales of ha visto relegati al Giappone o all’America alcuni episodi davvero meritevoli come Tales of the Abyss (giunto in Europa solo in versione 3DS, molti anni dopo, NdGuitar Hero), Tales of Destiny e Tales of Rebirth. Questa volta però l’azienda sembra aver voluto fare le cose in grande ed in maniera ancora migliore rispetto a Graces f. Di Xillia avevamo già largamente parlato quasi un anno fa in una nostra corposa anteprima; vediamo allora come il gioco arriverà nei negozi nostrani!


L’importanza del multi-5

Un anno fa, con l’uscita di Graces f, Namco Bandai non sapeva bene quale sarebbe stata la reazione del mercato europeo alla pubblicazione su console fissa di un JRPG del genere. La serie d’altra parte non aveva mai avuto grandissime occasioni di farsi notare a parte forse con Tales of Symphonia e quindi azzardare una traduzione nelle cinque principali lingue del Vecchio Continente era assai pericoloso. Quanto avrebbe venduto? Sarebbero bastate le vendite a coprire i costi di pubblicazione e traduzione? Per non sbagliare il gioco venne tradotto, oltre che in Inglese, anche in Francese e Tedesco, in modo da essere il più possibile appetibile ai mercati videoludici europei più grossi e profiqui. Spagna ed Italia? A quanto pare le prospettive di vendita non erano sufficientemente buone per poter considerare una traduzione in queste lingue.

Una volta pubblicato il gioco però Namco Bandai scoprì che le vendite del loro JRPG erano sorprendentemente buone e sopra le loro aspettative anche in quei paesi dove la traduzione non era avvenuta. Questo accadde innanzitutto a causa della grande fame di giochi di ruolo giapponesi del mercato videoludico che, in questa generazione, ha visto crollare letteralmente il numero di esponenti nonché la qualità media. Un altro fattore vincente è stato poi senza dubbio l’ottima edizione Day One che Namco ha confezionato: al prezzo base del gioco veniva infatti offerto al giocatore anche un artbook, dei contenuti DLC, la colonna sonora ed il video del dietro le quinte. Un pacchetto davvero succulento!Dopo il successo Namco sembra essersi fatta coraggio ed ha provato a portare in Europa, tradotto questa volta nelle cinque principali lingue del continente, inglese, spagnolo, francese, tedesco ed italiano, anche Ni No Kuni, con conseguente notevole successo di vendite. Non c’è da stupirsi quindi che anche con Tales of Xillia sia stata reaplicata la formula, cercando di bissare il successo dei precedenti titoli ed investendo a lungo termine per fidelizzare la clientela ai suoi prodotti. Quindi si, quando il gioco uscirà nei negozi avrà i sottotitoli nella nostra lingua. Contenti?


Noi abbiamo l’edizione speciale e voi no!

Già con Tales of Graces f era stato riservato un trattamento di riguardo ai giocatori europei per ricompensarli del tempo in più atteso rispetto al rilascio della versione USA del gioco proponendo la famosa Day One Edition ad un prezzo pari al gioco normale. Con Tales of Xillia sembra che questa iniziativa verrà ripetuta: la Day One Edition includerà un artbook, la colonna sonora ufficiale, una confezione in metallo ed alcuni costuni esclusivi per i due protagonisti Jude e Milla. Un contenuto davvero ricco, proposto allo stesso prezzo del gioco liscio. Un contenuto che, negli Stati Uniti, non avranno!

Anche nel versante della limited edition le cose sono state fatte in grande, così come era stato fatto per Ni No Kuni. In questo caso verrà pubblicata la Tales of Xillia: Milla Maxwell Collector’s Edition che offrirà al giocatore, all’interno di un apposito box, il gioco, una statuetta di Milla alta circa 22 cm, la colonna sonora ed un artbook con copertina rigida. L’edizione sarà disponibile al prezzo di circa € 100 e potrà essere acquistata unicamente attraverso il sito web, viste le incredibili speculazioni fatte su Ni No Kuni da alcuni rivenditori online. Non c’è che dire, Namco sembra voler mettercela tutta per far apprezzare la serie a noi europei ed è conscia che, se gioca bene le sue carte, potrebbe essere in grado di far breccia in più di qualche cuore!


Uscita (quasi) simultanea

Ma sotto il profilo delle date di uscita? Dovremo attendere ancora una marea di tempo rispetto ai nostri cugini americani? Anche in questo caso le notizie sono davvero molto incoraggianti: la data d’uscita fissata per l’America è il 6 agosto 2013 mentre per l’Europa il 9 Agosto 2013. Un’uscita praticamente simultanea su due dei più importanti mercati mondiali e che denota come Namco Bandai voglia quindi davvero fare di tutto per azzerare le disparità tra i due bacini d’utenza. Sia chiaro, sono sempre trascorsi quasi due anni dall’uscita giapponese, ma è anche vero che fino ad un anno fa era praticamente impensabile vedere in Occidente un titolo della serie Tales of pubblicato con tanto di Special Edition.

C’è infine da considerare che un’uscita in pieno Agosto è un po’ rischiosa, ma è anche vero che non incorrerà di certo nel pericolo di scontrarsi con altri titoli importanti, fattore da non sottovalutare (come un certo Tales of the Abyss, annientato da Final Fantasy XII in America..., NdGuitar Hero)!


Cosa mette sul piatto Xillia?

Per chi si fosse perso la nostra preview è comunque ben ricordare cosa offrirà Tales of Xillia al giocatore oltre ai contenuti delle Special Edition e Day One Edition. Il gioco è un JRPG dalla formula abbastanza classica ovvero avremo il nostro team di eroi che dovranno esplorare il mondo di gioco e combattere nemici di ogni sorta. La vera novità però rispetto al passato è la presenza di due differenti protagonisti, Jude e Milla appunto, che permetterà di vivere la storia sotto differenti punti di vista. Vi è stato poi anche un cambio di struttura nell’esplorazione: dopo l’introduzione di un mondo di gioco unificato, ovvero senza transizione tra città e world map, avvenuta con Tales of Graces f, Xillia espande questo concetto e regala al giocatore aree ancora più grandi ed estese. Ciò ricorda molto da vicino Dragon Quest VIII e la cosa non può che farci piacere visto che, sotto il profilo esplorativo, il gioco di Level-5 e Square Enix era davvero lodevole.

Xillia porta anche altre novità però: esso infatti prende il battle system già visto in Vesperia e ne migliora la formula, introducendo la possibilità di eseguire combo tra due o più personaggi per infliggere maggiori danni all’avversario. Come se non bastasse ritornano poi le invocazioni degli spiriti, elemento che non si vedeva in un Tales of da davvero moltisimo tempo. Tutto questo viene condito come sempre da un certosino art design che è in grado di offrire al giocatore un aspetto visivo molto simile a quello di un anime, grazie anche ad un motore grafico migliorato ed ottimizzato, che finalmente sembra essere al passo con i tempi ed in grado di concorrere con molte delle produzioni tripla A del mercato.


Manca poco...

Data di uscita 9 Agosto, Special Edition, Day One Edition, traduzione in Italiano. Tales of Xillia sembra avere tutte le carte in regola per riuscire ad arrivare nel mercato occidentale nel migliore dei modi. Namco Bandai ha infatti finalmente trovato il modo di fidelizzare i giocatori occidentali, realizzando contenuti aggiuntivi, programmando una pesante campagna marketing nei social network e soprattutto non trascurandoli troppo con tempi di conversione eterni tra un episodio e l’altro. (Tales of Graces f è infatti uscito il 31 Agosto 2012). Speriamo le vendite del titolo ripaghino tutti gli sforzi che l’azienda sta compiendo, al punto da far arrivare anche Xillia 2 in Occidente, e, perché no, anche i due episodi PS Vita!

SCHEDAGIOCO
Cover Tales of Xillia

Tales of Xillia

Scheda completa...