I segreti di The Witcher 3 Wild Hunt

Intervista con uno degli autori dell'RPG più atteso degli ultimi anniScritto da Matteo "Scanna" ScannaviniMail@ mattscannail 22 agosto 2013
I segreti di The Witcher 3 Wild Hunt Speciale
Nelle segrete stanze della Business Area della Gamescom 2013, siamo riusciti ad ottenere un'intervista con Jakub Szamalek, uno dei più importanti writer (autore) di The Witcher 3: Wild Hunt, terzo e ultimo capitolo delle avventure virtuali di Geralt di Rivia. Il team di CD Projekt Red il prossimo anno regalerà senza dubbio un capolavoro a tutto il mondo videoludico per l'ennesima volta e noi non potevamo non volerne sapere di più. Ecco a voi perciò la nostra intervista, a cura del sottoscritto Matteo "Scanna" Scannavini, con alcune domande anche ispirate da voi della community!

Via con le domande! (Prima parte)

1 - VGN: Prima di tutto siamo rimasti decisamente ammaliati dalla vostra presentazione (avvenuta pochi minuti prima, con una demo gameplay dal vivo), è sinceramente la migliore cosa che abbiamo visto in questa prima giornata di Gamescom. Ora, bando alle ciance e via alle domande.
Bene, questo è senza dubbio il vostro progetto più ambizioso e importante. Come vi siete sentiti a sviluppare questo gioco, è stato più difficile o più stimolante entrare in un lavoro di questo genere?
​1 - Jakub: Abbiamo la giusta ambizione e puntiamo a essere soddisfatti da quello che facciamo, perciò puntiamo tanto in alto. Volevamo raccontare la nostra storia di nuovo, ma più in grande, in un enorme mondo da esplorare. Certo, abbiamo incontrato dei problemi, delle limitazioni, dovute al fatto anche che il nostro team non è certo molto grande o con grande esperienza, rispetto ad altri. Tutto è alla fine finito per il meglio e siamo riusciti a realizzare un ottimo gioco – ci fa molto piacere lo abbiate apprezzato – nonostante abbiate visto solamente una piccola parte di esso. La qualità è il nostro motto e stiamo mettendo la stessa attenzione nei dettagli in questo titolo open-world che trovavate nei nostri precedenti lavori, se non maggiore.
2 - VGN: A parte l'aggiunta dell'open world, quello che forse ci interessa di più è il fatto che questo The Witcher 3: Wild Hunt sia il primo vero vostro gioco multipiattaforma, con release simultanea su Xbox One, Playstation 4 e ovviamente PC. Ciò porta a qualche questione per quanto riguarda i fan Sony, per ora gli unici a non avere in qualche modo vissuto le scorribande di Geralt sulle loro console. Certo, questa è un'opportunità ottima per voi per espandere il brand, ma cosa state facendo per convincere gli appassionati Playstation della qualità del vostro prodotto?
2 - Jakub: Chiaramente ci sono numerosi modi per ottenere visibilità anche su PS4, primo e non ultimo, semplicemente mostrare il gioco più possibile, per dimostrare la sua ottima qualità. Per quanto riguarda il mio settore, ossia la storia e lo script, stiamo cercando di fare il possibile per rendere il gioco appetibile e accessibile anche a chi non avesse provato i capitoli precedenti. Oltre a questo, certamente vengono particolari e mirate campagne marketing, espandendo anche il mondo di The Witcher in altri media. Penso che il gioco verrà fuori talmente bene che non ci sarà bisogno di convincere ulteriormente i Sony fans.
3 - VGN: Bene, alcuni nostri utenti ci hanno chiesto se sarà possibile trasferire scelte e magari abilità dalle loro precedenti partite in The Witcher 2, riferendosi chiaramente alla versione PC.
3 - Jakub: Allora, senza dubbio, qualcosa sarà disponibile, e la storia per loro sarà leggermente diversa, magari qualche personaggio non ci sarà più nel caso fosse morto nelle loro partite passate, o qualche particolare potrebbe cambiare. Non abbiamo ancora dettagli su questo, ma ci sentiamo di rassicurare da una parte i vecchi giocatori, che troveranno chicche e variazioni nella trama ad hoc, dall'altra i nuovi, i quali non perderanno nulla nel caso non avessero un salvataggio passato da importare. Non dovremmo usare sistemi a “questionario” per selezionare le scelte come successe in Mass Effect 2 su Playstation 3, per fare un esempio, ma non mi sento di escludere la possibilità a priori.
4 - VGN: Perfetto. Andando avanti, abbiamo notato che nella presentazione avete posto l'accento in maniera particolare sulle nuove meccaniche legate alla caccia, ora parte integrante del gioco. Quanto saranno influenti sul prodotto finale, quando The Witcher 3 arriverà nei negozi? Quanto tempo spenderemo a cacciare, in Wild Hunt?
4 - Jakub: Vogliamo tornare alle radici di The Witcher. Geralt è, in primis, un cacciatore di mostri, e stiamo cercando di ri-evidenziare questo dopo il secondo episodio. Quanto tempo caccerete, sarà a vostra decisione, in quanto, a parte le situazioni in cui la caccia sarà parte integrante della trama, per la maggior parte delle volte starà al giocatore avventurarsi magari in una foresta inesplorata, usare i fini sensi di Geralt per stanare una preda e infine ucciderla; vi consigliamo prima di collezionare informazioni sul mostro e indebolirne le difese, prima di attaccarlo però!

Altre domande a Jakub (Seconda parte)

5 - VGN: Alcuni giocatori sono preoccupati che – ampliando l'utenza – possiate semplificare il gioco, specialmente per quanto riguarda le opzioni da RPG classico, come l'ampiezza dell'albero delle abilità o le opportunità di personalizzazione. Sono paure infondate? The Witcher 3 resta, alle radici, un RPG vecchia scuola?
5 - Jakub: Certamente, anzi, troveranno molta più varietà e opportunità in Wild Hunt. Magie e segni saranno bene o male quelli del passato, ma si potranno usare in tanti modi differenti e nuovi, introdurremo numerosi modi di plasmare il proprio personaggio. Non dimentichiamo i nostri punti di forza, guardando al futuro.
6 - VGN: Tornando al lato tecnologico della questione, dobbiamo attenderci differenze – quantomeno dal punto di vista visivo – tra le diverse versioni del gioco?
6 - Jakub: Forse non sono la miglior persona per rispondere a questa domanda, vista la mia occupazione nel reparto scrittura e regia, ma posso dirvi con fermezza che CD Projekt Red mirerà ad offrire la stessa esperienza a tutti i giocatori. Manca poi un anno all'uscita e può anche darsi che la versione PC alla fine della fiera sia leggermente più performante delle altre, ma l'esperienza di gioco sarà ovunque la stessa.
7 - VGN: Immaginiamo quindi che non abbiate partnership particolari in mente, sia per quanto riguarda contenuti esclusivi su determinate piattaforme, o funzioni aggiuntive, quali supporto a periferiche o tablet.
7 - Jakub: Posso sicuramente dirvi che non faremo mai mosse come offrire tempo extra di gioco o missioni particolari per alcuni, ma per quanto riguarda le periferiche, non escludiamo magari di inserire Kinect da qualche parte, in ogni caso solo se trovassimo un modo “cool” ed intelligente di sfruttarlo.
8 - VGN: Prossima fermata: Cyberpunk. Saremo qui a parlare di quello il prossimo anno? Cosa potete dirci rispetto a ciò – molto poco in verità – che avete svelato finora?
8 - Jakub: Beh, intanto si tratta di un team differente dal nostro e il gioco è ancora nelle fasi iniziali dello sviluppo. Non sappiamo neanche noi cosa esattamente aspettarci da Cyberpunk. Con Wild Hunt infatti avevamo The Witcher 2 a fungere da esempio e metro di paragone, mentre con questo nuovo progetto stiamo lavorando alacremente, ma non possiamo rivelare nulla di più al momento. Tuttavia, posso dirvi che quello che ho visto finora pare davvero promettente.

Ultime battute dell'intervista con già la nostalgia per Geralt (Terza parte)

9 - VGN: Per chiudere quest'intervista, una domanda dovuta e composta da due parti. Prima di tutto, quali sono i vostri sentimenti mentre abbandonate Geralt – il quale ha praticamente costituito l'interezza del vostro curriculum – personaggio che si identifica in voi anche a causa della provenienza polacca dei racconti dai quali lo prendete in prestito? In secondo luogo, come farete a convincere la gente che non siete solo “i ragazzi che fanno The Witcher”?
9 - Jakub: Sì, Geralt è sicuramente un personaggio magnifico e resterà una parte importante del nostro passato, ma pensiamo sia arrivato il momento di passare a qualcos'altro e abbandonare, forse anche solo temporaneamente, The Witcher e il suo universo. Il mondo che abbiamo ricreato ha tante potenzialità e non posso escludere che un giorno ci ritroveremo ad esplorarlo, magari tramite uno spin-off o un prequel. Quello che vi posso assicurare è che la storia di Geralt vedrà la sua epica conclusione in The Witcher 3 e non la potrete perdere. Comprendo poi come l'utenza ci possa identificare con la serie, in quanto è in effetti tutto quello che abbiamo fatto sino ad oggi, ma pensiamo a noi stessi come sviluppatori di giochi di ruolo maturi, profondi e ricchi, e Cyberpunk non sarà da meno, benché ovviamente differente. Ci aspettiamo da noi stessi la migliore qualità possibile e non ci poniamo limiti.
VGN: Grazie al cielo esiste ancora qualcuno come voi che realizza RPG di questi tempi! Allora, The Witcher 3 sembra magnifico, le notizie che ci hai dato sono state tutte interessanti e ottime e ti ringraziamo per il tempo dedicatoci.
SCHEDAGIOCO
Cover The Witcher 3: Wild Hunt

The Witcher 3: Wild Hunt

Scheda completa...