La Spesa di VGNetwork

Per un Natale da senzatetto...Scritto da La Redazioneil 14 luglio 2016
La Spesa di VGNetwork Speciale

Tempo di bilanci dopo l’E3 appena conclusosi. No, non stiamo parlando dei bilanci su chi delle grosse case abbia avuto la conferenza più interessante, gli annunci bomba più shockanti o simili. Tocca, purtroppo o per fortuna, fare la lista della spesa. Perché da qui a fine anno ci attendono mesi ricchi – alcuni fin troppo ricchi - di uscite di ogni tipo: da grandi ritorni di serie celebri come Gran Turismo e Gears of War a FPS blockbuster come i nuovi capitoli di Call of Duty e Battlefield, da progetti ambiziosi come No Man’s Sky a piccoli ma intriganti titoli come CupHead,passando anche per il debutto di hardware come PlayStation VR e Xbox One S. Abbiamo preso cinque nostri redattori dai più disparati gusti e mix di piattaforme, per tirare – ahinoi – le nostre somme da qui alla fine dell’anno domini 2016. E voi? Cosa avete già messo in conto? Diteci la vostra con l’hashtag #lalistadellaspesa.


La spesa di @BlackDukeITA

​Io, lo ammetto, questo Natale lo davo già per perso da tempo, sin da quando sono stati confermati data d’uscita e prezzo per PlayStation VR. Perché sì, anche il visore per la Realtà Virtuale più accessibile del lotto (vedi Oculus e Vive) viene a costare un bel pacchetto di soldi, ma quantomeno l’hardware è già bello pronto in salotto, e la mia prova con mano – o con testa – alla scorsa Milan Games Week mi ha convinto totalmente nelle potenzialità della VR. Quindi, pre-order fatto per il 13 ottobre e PlayStation Camera da aggiungere al pacchetto, mentre nella line-up di lancio che sta iniziando a delinearsi non mi farò di certo mancare il promettente RIGS.

Ma il titolo di Guerrilla Cambridge non sarà il mio unico titolo per PSVR, perché a novembre sarà il turno di Gran Turismo Sport, la svolta eSport di una delle mie serie preferite, che mi ha fatto amare il mondo delle auto sin da quando ero piccolo. La combo di GT Sport e PSVR non potrebbe che completarsi con l’acquisto di un nuovo volante – sia maledetta la mancata retrocompatibilità con i volanti Logitech di PS3 -, nella zona degli entry level dotati di Force Feedback, da accompagnare magari ad un race seat minimamente decente. E son altri dindi sonanti.

Tornando invece sul fronte software, questa fine d’anno sarà per me incentrata sulle esclusive PlayStation 4 in arrivo: di No Man’s Sky, che rappresenta un po’ il sogno d’infanzia per ogni appassionato di fantascienza, ho puntato la limited edition (lo stile grafico e sonoro del titolo Hello Games è magnifico); mentre per The Last Guardian – che ancora mi sembra pazzesco stia effettivamente arrivando nei negozi – mi farò bastare (spero) l’edizione normale.La somma totale è già impressionante così com’è, ma c’è sempre spazio per qualche titolo in forse. Il nuovo volante potrebbe rappresentare una spinta per provare a gettarsi nel mondo simulato della F1 con il titolo 2016 di Codemasters, mentre ABZU e 100ft Robot Golf sembrano già da ora valere ogni centesimo. E chissà, magari ci rimane pure qualcosina per Titanfall 2. Le spese di spedizione sono incluse vero?


La spesa di @mattscanna

​Bene, è tempo di iniziare a risparmiare. Perché sì, i ritardi, ma questa fine di 2016 sembra già una Caporetto per il mio portafoglio e l’ultimo E3 è servito a mettere in ordine le mie idee per quanto riguarda gli acquisti videoludici da qui a Natale. 540€ e passa. Un disastro vero e proprio, che solo qualche abile sfruttamento di promozioni e magheggi nella distribuzione del materiale da recensione del sito potrebbe scongiurare. 6 giochi Xbox One (anche per sfruttare il mio recente acquisto di un pad Elite) e 3 PlayStation 4, niente per portatili, PC o Nintendo, il piano è pronto. Generi diversi, budget diversi, mondi diversi. Inizio con il remaster di Batman Arkham Asylum e City, giochi che ho – colpevolmente lo ammetto – mancato del tutto negli anni. Doveva essere il mio acquisto dell'estate, ma negli ultimi giorni Warner Bros. ha rinviato il tutto a data da destinarsi... Maledizione. Attendendo l’arrivo di Cuphead, geniale platformer dallo stile anni ’30 in uscita in un periodo imprecisato della stagione autunnale, mi tocca affrontare un settembre certo figo ma esosissimo. Si inizia con il calcio, in piena carica da Europei, con un FIFA 17 parso davvero rivoluzionario e in forma smagliante; poi, si prosegue con le corse australi di Forza Horizon 3, per quello che potrebbe diventare il racer arcade perfetto. Infine, il 30 settembre mi porterò a casa un centinaio di ore di gameplay con Final Fantasy XV, il promettentissimo nuovo capitolo della serie leggendaria di Square Enix. Ottobre porta in dono gli sparatutto in prima e terza persona: il mio account Xbox Live sarà diviso tra le motoseghe e le locuste di Gears of War 4 e i robottoni giganti di Titanfall 2, il seguito del mio FPS competitivo preferito degli ultimi anni. Siamo quasi alla fine, voglio riprendermi da tutto questo multiplayer con due belle avventure da giocare durante le piovose domeniche di fine anno sorseggiando cioccolata calda alternata a sgranocchiamento di 1936 della San Carlo. Si tratta di Dishonored 2, sequel dello splendido stealth game di Arkane e, ovviamente, South Park: Scontri Di-Retti, l’irriverente nuovo gioco di ruolo dedicato al cartone animato più geniale della TV e al suo umorismo senza regole. Quest’anno, si sfidano i supereroi. 


La spesa di Kikorin

Ebbene sì, lo ammetto, da qualche anno a questa parte sono diventato un videogiocatore con l'ansia del backlog. Se una volta, quando il maggiore impegno nella mia giornata consisteva nel preoccuparmi alla sera tardi del non aver studiato nulla per l'interrogazione del giorno dopo, le occasioni di videogiocare non mi mancavano, ora il tempo da dedicare ai videogiochi (perlomeno quelli che vorrei davvero giocare) si è ridotto all'osso. Quando vedo la lista delle uscite, anziché gioire, inizio a rammaricarmi e pensare a cosa finirò per perdermi tra tutte le esclusive, i multipiattaforma e gli indie che reputo interessanti e vorrei provare. Stoicamente, però, anziché rassegnarmi al fatto che non li giocherò mai, continuo a comprare ed accumulare roba che dilaziono tra HDD e mobile e mi riprometto porterò a termine... inutile dire che il proposito – per adesso – è ben lontano dall'essere soddisfatto ed anzi, vedo il traguardo allontanarsi sempre più. Come dicevo, però, non mi perdo d'animo, per cui da qui a fine anno ho già in mente parecchi acquisti che andranno a rimpolpare ulteriormente la mia famosa lista dei desideri. Oltre ad una mezza vagonata di titoli che per l'appunto ho finito per perdermi e che cercherò di fare miei a prezzi di favore, tra le nuove uscite ci sono alcuni giochi che hanno catturato la mia attenzione e molto probabilmente l'hype finirà per farmi acquistare istantaneamente al dayone. Il primo, imperdibile per quanto mi riguarda, è Monster Hunter Generations, in arrivo a luglio. Da grandissimo appassionato della saga Capcom sono in fibrillazione da mesi per questo nuovo capitolo e già so finirò per consumarlo come ho fatto con i predecessori, con il grandissimo pro di averlo su portatile e quindi poterci giocare a letto la sera. Subito dopo sarà il momento di ReCore, titolo per Xbox One che attendo spasmodicamente fin dal primo teaser e che dal trailer dell'E3 di quest'anno non mi ha impressionato positivamente come avrei sperato, ma continua ad incuriosirmi molto e voglio rimanere fiducioso. Arriverà poi ottobre e con esso l'irresistibile Rhythm Paradise Megamix per 3DS, un altro gioco che sembra perfetto da alternare tra una grossa esperienza e l'altra. Ma il vero fiore all'occhiello di quest'annata videoludica - per me - sarà il 23 novembre, con l'arrivo nei negozi di Pokémon Sole e Pokémon Luna, i quali segneranno l'inizio della settima generazione per i pokémon così come la fine della mia esigua vita sociale.

Questi sono i titoli che con certezza quasi totale mi faranno aprire il portafogli fin dal giorno stesso della loro uscita, ma dovessi citare anche tutti i giochi che mi interessano ed acquisterò quando caleranno di prezzo, non ne uscirei più. Ah, e non dimentichiamoci di Pokémon GO, per il quale già posso contare 40€ in meno sul conto in banca, infatti non potrò esimermi dal comprare subito il braccialetto Pokémon GO Plus! E allora bene così, che lo sperpero di denaro abbia inizio!


La spesa di Zio Gigietto

La vita multipiattaforma è bella, non c’è che dire: avere tutte le console possibili permette di avere una vastissima scelta di giochi, senza rinunciare a esclusive e tanto altro. C’è solo un piccolo neo: è costosa, ma tanto.La mia lista della spesa post E3 consta di ben 12 titoli, per una spesa totale di oltre 800 euro. Tantini, soprattutto per la concentrazione di giochi di ottobre e novembre, eppure ritengo quasi tutti i titoli meritevoli di una giocata al D1. Il primo in ordine temporale è No Man’s Sky, gioco che ormai attendo da tempo immemore e che capita quasi a fagiolo in un agosto desertico, periodo ideale per viaggiare tra le galassie. PS4 sarà poi dedicata alle vicende criminali di Mafia III, altro titolo che attendo per amore verso il franchise e The Last Guardian che, nel giro di un anno è passato da vaporware a realtà consolidata e non vedo l’ora di immergermi nel suo mondo onirico. A finire ci saranno due seconde uscite, vale a dire Dishonored 2 e Watch_Dogs 2: sul primo i dubbi sono pressoché assenti, vista la solidità della prima avventura di Corvo Attano, mentre i cani da guardia mi rendono un po’ più preoccupato, per quanto Ubisoft al secondo tentativo difficilmente delude i suoi estimatori. Passando invece alla casa di Redmond, sarà Forza Horizon 3 ad aprire le danze: sin dalla sua apparizione sul palco sono impazzito per questo gioco, forse uno degli spin off che amo di più. Sempre in tema esclusive, impossibile non mettere le mani su Gears of War 4 al day one, per il quale ho aspettative altissime per la campagna ma anche per il multiplayer, dove lo spirito competitivo mi prende come non mai. Sempre per il discorso competizione e un pad Elite da sfruttare a dovere, anche le trincee di Battlefield 1 e i robottoni di Titanfall 2 mi vedranno impegnato sul fronte Microsoft e, stando a quel che si è visto finora, non c’è momento migliore che buttarsi nella mischia, che sia con una baionetta o con un esoscheletro da battaglia. Cosa c’è poi di più natalizio di un centro commerciale? Beh, un centro commerciale pieno di zombie come quello di Dead Rising 4! Ho la serie nel cuore da quel fatidico 2006 e tornare nei panni di Frank West mi riempie il cuore di gioia. Si, certo, anche i vestiti pieni di sangue, ma vabbè. Non si trascura neanche Nintendo, però: per quanto sperassi di sperperare il mio stipendio per una NX entro la fine dell’anno, avrò comunque un paio di titoli da giocare sotto l’egida della casa di Kyoto: Wii U ospiterà Paper Mario Color Splash, passato in sordina all’E3 ma comunque meritevole di una partita e, ovviamente, la nuova avventura dei Pokémon, in versione Luna perché sono uno che preferisce la notte. Insomma, un finale di anno scoppiettante e che mi costringerà a passare molte ore allo schermo… come se mi dispiacesse!


La spesa di Guitar Hero

​Prima di stilare la mia lista della spesa, ho letto quelle dei miei “colleghi” e deve dire di sentirmi piuttosto in imbarazzo in questo momento, visto che la mia elencazione sarà decisamente meno ricca. Dedico poche parole ad Inside, visto che è uscito proprio mentre scrivevamo queste righe. Se non avessi avuto occasione di recensirlo, l'avrei sicuramente acquistato, anche se probabilmente avrei aspettato uno sconto (discorso peraltro valido per ogni gioco da me citato, visto che sono riluttante a pagare il prezzo pieno). Il periodo più interessante nella mia prospettiva è settembre, in cui usciranno due titoli di sicuro spessore ed uno promettente: parlo di Dragon Quest VII, XCOM 2 e di ReCore. I primi due sono già usciti su altre piattaforme, rivelandosi eccellenti; l'ultimo sembra davvero interessante, ma devo capire ancora quanti soldi vale. Anche perché sia Comcept sia Armature Studio hanno ancora molto da dimostrare... Concludo “già” con due titoli la cui uscita è stata annunciata per il 2016, ma ancora privi di una data ufficiale. Il primo è Below, la nuova avventura di Capybara Games, un developer che mi ha stupito con Might & Magic: Clash of Heroes e soddisfatto con Super Time Force. Mi spaventano le dichiarazioni sulla difficoltà, ma, se i combattimenti saranno “fair” come promesso, non ci saranno problemi di frustrazione. Il secondo è The Legend of Heroes: Trails of Cold Steel II, che forse sarà anche il mio ultimo acquisto per PlayStation 3. L'unico acquisto che potrebbe far levitare notevolmente la mia spesa è una PlayStation 4, che desidero sempre maggiormente, visto che vengono annunciate di continuo esclusive (almeno in ambito console) di mio interesse. Quelle che in questo momento mi spingerebbero all'acquisto della console – non terrò conto in questa sede di tutto ciò che è già uscito, ma di ciò che arriverà fra 2016 e 2017 – sono Shenmue III, Nier: Automata, Crash Bandicoot Remastered, The Last Guardian e lo Spider-Man di Insomniac Games, visto che Sunset Overdrive mi ha fomentato in modo serio. Va da sé, comunque, che se anche trovassi i soldi per una PS4, sicuramente non ne avrei anche per i giochi, quindi la lista termina qui.

SCHEDA
Cover

  • data d'uscita:
  • produttore:
  • sviluppatore:
Scheda completa...