Nintendo, a che gioco stai giocando?

3DS, Wii U ed il misterioso NX: cosa ci riserva il futuro?Scritto da Giacomo Quadrioil 05 marzo 2016
Nintendo, a che gioco stai giocando? Speciale

Nonostante alcuni suoi scivoloni nel corso degli anni, Nintendo rimane l’azienda videoludica a cui sono più legato. Ho iniziato la mia carriera di videogiocatore proprio con Game Boy e la mia serie preferita è Metroid: capirete quindi che ogni sua nuova trovata, soprattutto nell’ultimo periodo, rappresenta per me un evento da studiare fin nei più piccoli dettagli per comprendere se sarà o meno una scelta vincente, in grado di riportarla ai fasti di un tempo. Sì perché purtroppo Nintendo Wii U non si può in alcun modo considerare un successo ed anche 3DS, nonostante l’ottimo riscontro di pubblico, ha alla base un concept che non ha esattamente funzionato. Ecco quindi che Miyamoto, Reggie e soci stanno scommettendo il tutto e per tutto su NX, un progetto ancora avvolto nel mistero e che sembra destinato già da ora a far parlare di sé sia nel bene che nel male. 


NX: che cosa sappiamo

Nintendo è sempre stata abbastanza brava a mantenere i segreti ma con NX si sta di sicuro superando: ad oggi infatti non si sa praticamente nulla di questa misteriosa macchina se non alcuni basilari dettagli. NX è infatti il nome dell’intero progetto per la prossima generazione di console della grande N, che comprenderà sia un hardware casalingo che portatile i quali monteranno sistemi operativi molto simili tra loro. Ciò è volto a facilitare la conversione dei giochi tra l’una e l’altra macchina, un po’ come accade già oggi tra PlayStation Vita e PlayStation 4, così da offrire all’utenza una line up più variegata e numerosa, da anni vero tallone d’Achille delle console Nintendo. All’interno di questa ristrutturazione software rientra anche un nuovo sistema di account online: dopo la disastrosa gestione degli eShop 3DS e Wii U si è finalmente deciso di utilizzare un sistema unificato in grado di tenere meglio traccia degli acquisti e delle attività di ogni giocatore. Era ora, mi vien da dire, anche perché proprio in quest’attuale generazione si sono visti veri e propri paradossi come per esempio l’impossibilità di trasferire gli acquisti dei medesimi giochi da Wii a 3DS e Wii U.


NX: che cosa non sappiamo

Le cose che attualmente ancora non sappiamo sono tante, forse anche troppe. Innanzitutto il periodo di debutto nei mercati internazionali è ancora totalmente ignoto: si dice che la portatile arriverà a fine anno mentre la casalinga durante la primavera, una volta analizzati i fatti però essi sembrano dire tutto il contrario! Nintendo 3DS infatti ha una lineup per il 2016 semplicemente strepitosa e ricca di uscite dall’elevata caratura, primi fra tutti i due nuovi Pokémon Sole e Luna. E’ poi uscito da poco Bravely Second, sono in dirittura d’arrivo Yo-Kai Watch e ben due Dragon Quest e non dimentichiamoci di Fire Emblem Fates, Shin Megami Tensei IV Final e Metroid Prime: Federation Force. Alla faccia della console sulla via del tramonto insomma! Discorso diverso, totalmente diverso, per Nintendo Wii U: dopo un 2015 tutto sommato dignitoso, che ha visto l’uscita nei negozi di ottimi prodotti come Splatoon e Xenoblade Chronicles X, il 2016 sembra essere un po’ meno solido del previsto. A marzo avremo il remaster HD di The Legend of Zelda: Twilight Princess e Pokkén Tournament, in aprile Star Fox Zero e poi il nulla fino al periodo natalizio. Una situazione che ricorda molto da vicino quella di Wii e GameCube nel loro ultimo anno di vita, certo, ma che potrebbe essere un indizio sull’arrivo anticipato dell’hardware casalingo rispetto a quello portatile. 

E poi c’è anche il concept alla base della console, forse l’elemento più temuto da noi fan di vecchia data dell’azienda. Tolto l’entusiasmo iniziale infatti, il Wiimote si è rivelato essere un ingombrante gimmick capace di compromettere il gameplay di più di qualche titolo mentre il pad-tablet di WiiU è addirittura stato visto fin dalla sua presentazione come un dispendioso ed inutile aggeggio. Cosa si inventerà Nintendo a questo giro? Se fosse per me potrebbe anche non inventare niente: una console più classica, sulla falsariga di GameCube e Nintendo 64 e con una potenza al pari di PS4 o Xbox One, sarebbe a mio modo di vedere semplicemente perfetta e permetterebbe di mantenere i costi di vendita relativamente bassi offrendo una qualità grafica al passo con i tempi. E per la portatile? Magari un ritorno al form factor di Game Boy, con un solo schermo quindi e abbandonando totalmente il seppur simpatico 3D stereoscopico.


Line-up e terze parti, che tasti dolenti!

Il rapporto con le terze parti di Nintendo è sempre stato burrascoso e Wii U, anche a causa della sua ostica architettura software e hardware, le ha fatte fuggire letteralmente a gambe levate. Stando ai rumor che girano in rete pare purtroppo che ciò non sia destinato a cambiare poi molto: il lupo perde il pelo ma non il vizio ed ecco quindi che la nostra cara azienda giapponese continua a concedere con il contagocce i kit di sviluppo ai team più piccoli o, peggio ancora, non sembra voler minimamente svelare alcuna delle caratteristiche delle sue nuove macchine impedendo così di preparare in anticipo eventuali porting di titoli in sviluppo. 

Sorge quindi logico aspettarsi che, almeno per il primo anno di vita, sia Nintendo stessa a sopperire alla carenza di software. La storia ci insegna però che Wii, Wii U e 3DS hanno sofferto tremendamente durante il loro primi 12 mesi dove, è inutile negarlo, non uscì praticamente nulla di davvero folgorante. Non voglio assolutamente fare l’uccello del malaugurio ed anzi, spero proprio che questa carenza di uscite su Wii U sia indice che i team di sviluppo interni più grossi stiano preparando un primo anno davvero esplosivo: se fosse davvero così la nuova console partirebbe con il piede giusto!


Quanta pazienza…

Bisogna portar tanta pazienza, è proprio vero! Io ho il concreto presentimento infatti che il progetto NX verrà svelato durante l’E3, in un apposito direct come siamo ormai abituati da alcuni anni, ma che il suo arrivo nei negozi non si verificherà prima del 2017. Ciò permetterebbe a Nintendo di sfruttare tutto il 2016 per vendere il maggior numero di 3DS e Wii U possibili così da spostarsi sui nuovi hardware a cuor leggero, senza dover far convivere quindi nello stesso periodo ben quattro console. Se vogliono avere successo però non devono assolutamente deludere i fan di vecchia data: niente gimmick invadenti, niente primo anno deserto di uscite, niente online assurdamente complicato e soprattutto un buon rapporto con le terze parti. Perché se riusciranno a giocarsi bene le loro carte potrebbero davvero guadagnare una posizione di potere nel mercato odierno, un mercato che vede Xbox One e le sue esclusive sempre più in difficoltà contro una PlayStation 4 inarrestabile.

SCHEDA
Cover

  • data d'uscita:
  • produttore:
  • sviluppatore:
Scheda completa...