Pillole dalla Gamescom - Mirror's Edge Catalyst

Il ritorno di Faith ConnorsScritto da il 14 agosto 2015
Pillole dalla Gamescom - Mirror's Edge Catalyst

Dopo il reveal ufficiale dello scorso E3, Electronic Arts ha deciso di mostrare in pompa magna anche alla Gamescom il suo Mirror’s Edge Catalyst, action-platform in prima persona dal particolarissimo comparto visivo. Anni ed anni di richieste da parte dei fan ed ora, finalmente, abbiamo pure una data di uscita ufficiale ovvero 26 febbraio 2016. Durante il nostro appuntamento nel booth dell’azienda americana ci è stata data la possibilità di assistere ad una prova hands-off del titolo in versione PlayStation 4, nella quale Faith, la bella protagonista, ha dato più volte sfoggio delle sue innumerevoli doti atletiche.

Il livello disponibile era il medesimo già visto in video qualche giorno fa durante la conferenza, la conferma però che quanto è stato divulgato fosse una porzione autentica di gameplay ci ha onestamente rincuorato. L’azione di gioco è infatti molto veloce ed immediata: delle pratiche indicazioni di colore rosso, che possiamo comunque disattivare proprio come nel primo episodio, ci indicheranno la via più pratica da percorrere per arrivare al nostro obiettivo. Possiamo però anche scegliere di non attenerci a quel tragitto ed esplorare liberamente l’ambiente circostante in cerca di appigli più fantasiosi.

Una bella conferma sulle buone intenzioni di DICE deriva poi dall’assenza totale di sessioni shooter: Faith combatterà contro le forze nemiche attraverso l’ausilio delle sole arti marziali, una Batman al femminile che non vuole infliggere danni letali durante le sue pericolosissime missioni. Apprezzabile la presenza di una struttura free roaming e più aperta dei livelli: così facendo Mirror’s Edge Catalyst entra in diretta competizione con l’altro grande franchise dedicato al parkour, Assassin’s Creed; siamo curiosi di sapere infatti come la serie Electronic Arts intenda gestire l’esplorazione e le conseguenti missioni.

Ciò che purtroppo non ci ha convinto pienamente è la grafica stessa del gioco: il motore grafico, che si muoveva già a circa 60 fps nonostante la build preliminare, non ci è apparso per niente spettacolare ed anzi, la pulizia visiva globale, così come le texture, lasciavano abbastanza a desiderare. Certo, l’art style è come sempre fuori parametro, da DICE però ci si attendono alti standard qualitativi e doversi “accontentare” di un gioco nella media non ci pare proprio il caso.

Mirror’s Edge Catalyst promette bene, anzi molto bene, e visto quanta cura era stata riposta nel primo episodio siamo abbastanza fiduciosi che DICE si comporterà bene anche questa volta. Se il team di sviluppo aggiusterà quindi i vari difetti grafici che abbiamo riscontrati siamo abbastanza certi che pubblico e critica sapranno ripagarli con un’accoglienza estremamente calorosa.

Aspettativa 4/5

Pillole dalla Gamescom - Mirror's Edge Catalyst2015-08-14 12:30:19http://www.vgnetwork.it/speciali/pillole-dalla-gamescom-mirror-s-edge-catalyst-50362/Il ritorno di Faith Connors680350VGNetwork.it