Pillole Mobile - Forgotten Memories: Alternate Realities

Astinenza da surival horror? Ci pensa Psychoz Interactive ad alleviare le vostre pene!Scritto da Giacomo Quadrioil 25 gennaio 2016
Pillole Mobile - Forgotten Memories: Alternate Realities Speciale

Nato inizialmente come la risposta a Resident Evil da parte di Konami, Silent Hill divenne ben presto una vera e propria icona del genere survival horror distanziandosi notevolmente sin dagli albori dal temuto rivale. La sua forza fu proprio questa: portare elementi tipici dei thriller psicologici all’interno della ben più classica casa degli orrori digitale, concentrandosi non solo sulla tensione e la paura ma anche e soprattutto sulla trama. Il risultato è di quelli travolgenti, in grado di bucare lo schermo lasciando ricordi indelebili nella memoria dei giocatori: come non citare la struggente storia d’amore tra James e Mary o la drammatica discesa negli inferi di Heather? Negli anni purtroppo la serie è calata notevolmente di qualità già a partire dal quarto episodio fino a giungere alla sua definitiva dipartita con la cancellazione da parte di Konami del progetto Silent Hills che vedeva coinvolti Kojima e Del Toro. Un grave lutto, su questo non ci piove, dobbiamo però farci coraggio e guardare avanti: ci sarà li fuori qualcuno in grado di raccogliere questa pesante eredità e farla propria così da produrre un nuovo, grande horror psicologico, no? 


Difficile da credere

Vi potrà sembrare strano ma un titolo che attinge a piene mani dai passati lavori dell’ormai scomparso Team Silent si può già trovare all’interno dell’App Store di iOS e risponde al nome di Forgotten Memories: Alternate Realities. Si, lo so che state pensando: come può un gioco mobile rendere giustizia ad un così complesso ed articolato genere come quello dei survival horror? La passione per il proprio lavoro può fare miracoli ed infatti i ragazzi dello studio indipendente Psychoz Interactive hanno lavorato alacremente per regalare al pubblico un prodotto intrigante e meritevole d’attenzione. Ci sono riusciti? Assolutamente sì ed ora vi spiego anche il perché. Innanzitutto i developer sono stati in grado di cogliere in pieno quella che è l’essenza dei thriller psicologici generando così atmosfere lugubri e claustrofobiche nelle quali una non ben specificata entità oscura ci da la caccia giocando con la nostra sanità mentale; dopodiché anche l’elemento survival è stato sviscerato ed implementato a dovere inserendo nelle location che visiterete nemici coriacei, gran poche munizioni ed un’altrettanto limitato numero di dischi di salvataggio. E l’elemento horror? Beh gente, ci troviamo in un ospedale psichiatrico in decadenza invaso da manichini viventi e bambole di porcellana assassine, ad ogni angolo troviamo diari dalle rivelazioni inquietanti e cadaveri e soprattutto manca quasi sempre la corrente elettrica: direi che è abbastanza, non trovate?

Fortunatamente tutto questo ben di dio orrorifico è contornato da un solido gameplay che rispetta in pieno i canoni dettati da prodotti quali Silent Hill e Resident Evil: l’arsenale a nostra disposizione è composto da armi bianche ed armi da fuoco, i medikit saranno l’unica nostra fonte di rigenerazione della salute e gli enigmi da risolvere sono presenti in buona quantità. Insomma, Psychoz Interactive ha fatto le cose in grande e non si è fatto assolultamente limitare dalla natura mobile del suo titolo.


Colmare il gap

Un lavoro davvero encomiabile infine dal punto di vista puramente visivo. Graficamente Forgotten Memories è una vera e propria gioia per gli occhi nonostante la sua natura mobile, il gioco infatti mette in mostra i muscoli grazie a texture di alta qualità, modelli poligonali ben realizzati ed animati, una fisica più che discreta e un sistema di illuminazione sorprendente. Tutto ciò è poi accompagnato da una direzione artistica molto classica ma non per questo trascurabile, che riesce a creare un’atmosfera pressoché perfetta per un survival horror e ciò grazie anche alla suggestiva colonna sonora.

Tirando le somme, il titolo di Psychoz Interactive non è assolutamente rivolto ai cosiddetti casual gamer ed anzi cerca di attrarre una fetta di utenza perfettamente definita che esige dai videogiochi specifiche caratteristiche. Non è segreto infatti che il team miri a raggiungere anche le piattaforme casalinghe quali PlayStation 3 e PlayStation 4: il mio augurio è che riescano nel loro intento in quanto il prodotto è sicuramente meritevole d’attenzione e, cosa più importante, riesce sia a spaventare che a divertire. E poi questo Forgotten Memories è pieno di citazioni da telefilm e videogiochi cult quali Twin Peaks e Deadly Premonition, come si può non amarlo?!?!

Valutazione: 4.5/5

SCHEDA
Cover

  • data d'uscita:
  • produttore:
  • sviluppatore:
Scheda completa...