Pillole Mobile - Never Gone

Dalla Cina un beat 'em up con un bel po’ di potenzialeScritto da Giacomo Quadrioil 03 agosto 2016
Pillole Mobile - Never Gone Speciale

Il mercato mobile ha dato la possibilità ad un grandissimo numero di sviluppatori di realizzare i propri titoli senza dover rischiare poi troppo da un punto di vista finanziario. Un bacino d’utenza enorme, costi di sviluppo contenuti, possibilità di accedere velocemente e con facilità agli store online: insomma, un paese dei balocchi verrebbe da dire, purtroppo però non è tutto oro quel che luccica. Questa estrema facilità di accesso al mercato smartphone e tablet significa anche una concorrenza assolutamente spietata, che non risparmia nessuno ed anzi talvolta capita che addirittura dei buoni prodotti vengano oscurati dalla mole di app che ogni giorno debuttano su App Store e Play Store. D’altra parte per ogni Angry Birds ci sono tantissimi altri titoli che non riescono a raggiungere, nemmeno per un giorno, la top-10 di una qualsiasi delle varie classifiche di vendita. 

Ecco quindi che il mercato mobile si trasforma presto in un incubo, un buco nero capace di fagocitare anche le migliori idee dei vari team di sviluppo che vogliono tentare la fortuna; anche perché, è ormai lapalissiano quanto sto per dirvi, il bacino di utenza che fruisce di questo tipo di gaming è purtroppo molto “ignorante” e tende spesso a premiare la cosiddetta spazzatura come accaduto con Flappy Bird. Gli smartphone ed i tablet però li possiedono anche i cosiddetti nerd e quindi perché non provare ad attirare proprio la loro di attenzione anziche convincere un pubblico che comunque non capirebbe minimamente il valore della propria produzione?


Vecchia scuola

Never Gone si propone come un beat 'em up vecchia scuola, di quelli 2D in cui il personaggio si muove da destra a sinistra e mena le mani contro una montagna di nemici differenti. Vi vengono alla mente le ore passate in sala giochi con i vostri amici? Ecco, c’avete proprio azzeccato! Quanto proposto dai developer è un vero e proprio tributo alla gloriosa epoca a 8 e 16 bit, quella che ci ha regalato grandi capolavori come Double Dragon, Golden Axe, Final Fight e tanti altri. Never Gone però guarda anche al presente ed introduce, accanto ad una struttura d’altri tempi, un combat system che risulta molto simile a quello degli action game moderni come Devil May Cry. Se questo può rappresentare un punto di forza del prodotto, è al tempo stesso anche un suo grande difetto: la natura touch dei dispositivi per cui è stato ideato non permette infatti al giocatore di sfruttare appieno il sistema di combo, scatenando non poca frustrazione a causa della poca precisione del d-pad virtuale situato a schermo. 


Influenze illustri

Tra le contaminazioni provenienti da altri generi ed epoche videoludiche troviamo anche alcuni elementi RPG che permetteranno la crescita del nostro personaggio così che possa acquisire nuove abilità e migliorare le varie statistiche. Niente di particolarmente complesso o articolato, quanto basta per garantire quindi un po’ di varietà nella formula principale del gioco. Visivamente invece il lavoro svolto dal team di sviluppo è davvero encomiabile, con modelli bidimensionali realizzati con estrema cura ed ambientazioni gotiche e dark che richiamano alla mente proprio Devil May Cry e pure Castlevania. Ciò che dispiace maggiormente però è il framerate ballerino del motore grafico, che spesso ha cali anche su dispositivi recenti come iPhone 6S.


Potenziale inespresso

Never Gone è un titolo sicuramente interessante e visivamente molto bello, i difetti che possiede però non devono passare inosservati e potrebbero infastidire più di qualche utente. Al già citato sistema di controllo non perfetto e al framerate ballerino si aggiunge anche la presenza di In App Purchase, presenza che mal si digerisce considerando che il titolo è di base già a pagamento. Si può quindi intendere la produzione di HippieGame come un esperimento interessante, un gioco che ha del potenziale e che in un futuro, magari su altre piattaforme ben più consone al genere a cui appartiene, potrebbe attirare le attenzioni di più di qualche nerd.

Valutazione: 3.5 su 5

SCHEDA
Cover

  • data d'uscita:
  • produttore:
  • sviluppatore:
Scheda completa...