Pillole Mobile - The Beggar's Ride

Un indie tutto italiano alla conquista dei nostri cellulariScritto da Giacomo Quadrioil 28 dicembre 2015
Pillole Mobile - The Beggar's Ride Speciale

Quello del gaming non è purtroppo uno degli ambienti più semplici in cui inserirsi, soprattutto se si è un piccolo team di sviluppo indipendente. Negli ultimi anni, però, grazie anche all’avvento del gaming su smartphone e alla maggior apertura degli store online di console e PC, è diventato un pelino più facile farsi conoscere e distribuire il proprio prodotto al grande pubblico. E’ questo il caso degli italianissimi Bad Seed, che con il loro interessante The Beggar’s Ride portano un po’ del Bel Paese nell’affollato mondo iOS ed Android. Curiosi di saperne di più? Continuate a leggere la nostra recensione!


In un mondo di maschere

Ascrivere The Beggar’s Ride ad un unico genere è un po’ riduttivo: il prodotto in questione unisce infatti meccaniche tipiche dei platform ai ritmi più rilassati e pacati delle avventure grafiche, non per questo rinunciando a puzzle ambientali che metteranno alla prova il vostro personalissimo ingegno. Ed è proprio in tale mix che risiede uno dei maggiori pregi della produzione Bad Seed: essere in grado di accompagnare il giocatore in un percorso dai toni tranquilli ma mai privi di mordente. Non è finita qui, però, perché il team è stato in grado anche di inserire alcuni mirati elementi narrativi, trattando con estrema semplicità ma mai con banalità temi assolutamente delicati come quello dell'accattonaggio. 

Nel dettaglio come si struttura il gameplay? Il nostro protagonista, catapultato all’improvviso in un mondo a lui completamente sconosciuto, dovrà esplorare antiche rovine un tempo governate da un misterioso dio servendosi dell’ausilio di alcune maschere; queste hanno ognuna uno specifico potere, come quello di controllare le piogge o il terreno. Per proseguire sarà necessario, per l’appunto, risolvere puzzle ambientali che vanno dalle piccole alle medio-grandi dimensioni. Un titolo, insomma, proprio adatto alle dinamiche mobile, e che saprà tenervi compagnia sia per brevi sessioni di gioco sia per partite un po’ più lunghe. 


Scelte azzeccate

​Parlando invece delle scelte stilistiche, ci troviamo dinanzi ad un prodotto dai valori di produzione assai buoni. Il mondo in cui è ambientato The Beggar’s Ride, un mondo in rovina dalle tinte fantasy, sa regalare scorci poetici e un po’ malinconici, e questo nonostante la sgargiante paletta cromatica adottata. Ottima anche la colonna sonora, particolarmente adatta ad accompagnare l’utente in questo piacevole e rilassante viaggio, così come ci ha convinto la voce narrante fuori campo che commenterà le avventure del goffo ma simpatico protagonista. 

The Beggar’s Ride, in definitiva, è un titolo assai consigliato a tutti gli appassionati del genere platform-puzzle-adventure grazie ad un’ottima calibrazione di queste tre componenti nell’economia globale del gameplay. Se ci aggiungete poi un sistema di controllo non perfetto ma comunque funzionale, nonché un prezzo di vendita allettante, dall’equazione conseguirà un risultato assolutamente vincente. Complimenti a Bad Seed, quindi, un team italiano che non ha nulla da invidiare ai suoi concorrenti internazionali. 

Valutazione: 4 su 5

SCHEDA
Cover

  • data d'uscita:
  • produttore:
  • sviluppatore:
Scheda completa...