(Ri)scoprendo Alan Wake

Con Quantum Break alle porte!Scritto da Giovanni "Guitar Hero" Ormesiil 01 aprile 2016
(Ri)scoprendo Alan Wake Speciale

Quando si tratta di Alan Wake, VGNetwork non ha mai lesinato sugli articoli: nel 2010 vi abbiamo proposto prima la recensione della versione Xbox 360, poi quelle dei DLC The Signal e The Writer, mentre nel 2012 è stata la volta della versione PC del gioco e di Alan Wake's American Nightmare.

Ora, con Quantum Break alle porte (e già recensito!), è il momento di tornare a parlare della controversa opera di Remedy Entertainment, che sarà scaricabile (e giocabile su Xbox One, grazie alla retrocompatibilità) dagli acquirenti di Quantum Break.


Un inquadramento storico

Alcuni lettori troveranno superfluo soffermarsi nuovamente sulla storia del gioco, ma è chiaro che quest'articolo vuole essere interessante anche (o almeno, a seconda dei punti di vita) per i neofiti. D'altronde, a quanti abbiano seguito con trepidazione il travagliato sviluppo del gioco basterà saltare il paragrafo.

Annunciato all'edizione 2005 dell'E3, Alan Wake è la quarta opera di Remedy Entertainment, in quegli anni piuttosto famosa grazie a Max Payne. Sin da subito era chiaro – e chi all'epoca “già” si interessava il mondo videoludico potrà concordare – che il progetto fosse molto ambizioso, forse troppo: pensate che inizialmente l'idea degli sviluppatori era quella di calare un thriller story-driven in un contesto open-world; una specie di “GTA: Twin Peaks”. Alla fine Alan Wake debuttò sei anni fa (mese più mese meno, non siate pignoli), dopo oltre cinque anni di sviluppo e con qualche inopinata imperfezione. Le vendite non esaltanti, soprattutto all'inizio, impedirono lo sviluppo di un sequel, anche se la serie continuò con lo spin-off Alan Wake's American Nightmare, anch'esso retrocompatibile.


A mente fredda

All'epoca del debutto, Alan Wake fu accolto da sentimenti contrastanti, causati anche dall'attesa estenuante: oltre ai numerosi entusiasti (alcuni dei quali probabilmente non volevano ammettere di aver aspettato così a lungo un gioco così “limitato”), non sono mancati pareri decisamente più duri, di utenti delusi da un gioco atteso una mezza vita. Adesso, dopo sei anni, possiamo formulare un giudizio più equilibrato sull'opera di Remedy Entertainment, un verdetto scevro di tutte quelle considerazioni “estemporanee” che ormai non sono più attuali.

Alan Wake è un action-adventure in terza persona in cui la trama, i personaggi e le suggestioni ricoprono il ruolo di protagonisti. Come già in Max Payne, il gioco ha il nome del protagonista, in un certo senso é il protagonista. Alan è uno scrittore affermato afflitto da un blocco creativo, che la moglie Alice spera di rimuovere grazie ad una vacanza nella tranquilla e affascinante localirà di Bright Falls. Proprio questo viaggio segna l'inizio della disavventura di Alan, in un thriller/horror psicologico sospeso fra due realtà vissute alternativamente dallo scrittore. Chi scrive non ama soffermarsi sulle trame per il timore di essere inconcludente, dovendo evitare gli spoiler, però qualche cosina bisogna pur dirla in questo caso: Alan Wake è un videogioco maturo sotto il profilo narrativo, che invita il suo fruitore nei recessi della mente del suo eponimo, considerato alternativamente come un pazzo e come un esploratore del surreale. I dubbi non vengono sciolti nemmeno dal finale, invero piuttosto aperto; diciamo che Alan Wake merita più un sequel che un paio di DLC, sotto questo punto di vista. Ora non ci resta che attendere il prossimo annuncio di Remedy Entertainment: Alan Wake 2? Quantum Break 2? Nuova IP? Vedremo...


Una gemma grezza

Quel che è certo è che un eventuale sequel avrebbe un compito difficilissimo, un compito addirittura doppio: da una parte, proseguire – e magari avere anche il coraggio di concludere, se necessario – la vicenda di Alan; dall'altra, quello di far dimenticare i travagli del prequel, che si è presentato come una gemma grezza. Una gemma grezza sotto il profilo tecnico, ben lontano dai mostri sacri del pantheon di Xbox 360, nonostante un tempo di sviluppo lunghissimo. Non che ciò impedisca ad Alan Wake di appagare visivamente il giocatore, grazie anche ai numerosi riferimenti e citazioni inseriti sapientemente da Remedy Entertainment: da Twin Peaks a Shining, da Gli uccelli a The Twilight Zone; lo stesso Alan non nasconde di essere un epigono di Stephen King. Una gemma grezza anche sotto il profilo del gameplay, almeno a parere di chi scrive. Come molti altri giochi che pongono grande enfasi sul comparto narrativo, Alan Wake soffre di una notevole linearità, che gli sviluppatori avrebbero voluto evitare con una struttura open-world. Di fatto, l'unico scopo del giocatore è quello di raggiungere un determinato punto sulla mappa, sfuggendo o sconfiggendo le creature che gli si parano dinnanzi. I nemici non sono particolarmente vari e la componente shooting non può certo dirsi raffinata. La situazione non migliora particolarmente a bordo dei veicoli, caratterizzati da un modello di guida semplicistico e da una scarsa incisività nella formula di gioco.

Per altro verso, bisogna riconoscere una certa coerenza ed onestà in Alan Wake: in un periodo in cui da molto tempo gli action adventure sentivano l'esigenza di riempire il giocatore di fumo negli occhi, sbandierando punti esperienza, skill tree, arsenali espandibili e potenziabili e altre amenità, l'opera di Remedy Entertainment limita il tutto ad una torcia elettrica (per “bruciare” i Posseduti e renderli vulnerabili ai proiettili) e a quattro armi in croce. Alan non impara a nuotare o a fare le capriole, non guadagna punti vita salendo di livello, non costruisce upgrade per le armi con i rami e le foglie che raccoglie per strada, anzi, in numerose sezioni è completamente disarmato. Alan non è un soldato o un semidio, non cerca subquest da NPC. Il suo unico scopo è quello di muoversi da un punto A ad un punto B, nella speranza di salvare la moglie. E di traghettare i giocatore all'interno di un'esperienza coinvolgente, che non vuole solo essere un buon gioco, ma anche un'opera artisticamente valida.

Questa mattina avete potuto leggere il nostro parere entusiastico su Quantum Break. Ogni copia di Quantum Break dà diritto al download di Alan Wake e dei suoi DLC. Manca solo Max Payne e abbiamo il perfetto “Remedy Starter Pack”.

SCHEDAGIOCO
Cover Alan Wake

Alan Wake

Scheda completa...